sabato 6 dicembre 2008

Admeto

Admeto
Figlio di Ferete, marito di Alcesti e padre di Eumelo; re di Fere in Tessaglia. Accolse nelle sue case Apollo, condannato per un anno a vivere come un comune mortale. Per ricompensarlo il dio ottenne dalla Morte la salvezza per lui, destinato a morir giovanissimo, a patto che un’altra persona fosse disposta a perire per lui. La moglie Alcesti si sacrificò per la salvezza del marito, ma Ercole, sopraggiunto, la strappò all’Ade. Admeto partecipò pure alla spedizione degli Argonauti e alla caccia del cinghiale calidonio

Nessun commento: