sabato 6 dicembre 2008

Caicante

Caicante
Figlio di Testore, celeberrimo indovino a cui, dice Omero, eran note le cose presenti, passate e future. Era l’indovino dell’esercito che al seguito di Agamennone andò ad assediare Troia. Numerose sono le suo profezie ricordate da Omero; celebre fra tutte quella sulla durata e sull’esito della guerra di Troia pronunciata in base ad un prodigio al momento della partenza dalla Grecia. Notissimo pure il suo intervento in Aulide che provocò il sacrificio di Ifigenia. Solenne è la presentazione della sua figura nell’assemblea dell’esercito greco con cui si apre l’Iliade, nella quale egli si alzò a rivelare il motivo della terribile pestilenza che infieriva nel campo greco: l’ira di Apollo.

Nessun commento: